Neutropenia sostegno psicologico?

Home Forum Discussioni ed opinioni Neutropenia sostegno psicologico?

Questo argomento contiene 5 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  diama_deffy75 9 anni, 6 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #1850 Risposta

    kragstore
    Membro

    Scusate sono nuovo del forum essendoci arrivato per caso.
    Ho 33 anni e mi chiamo lorenzo, nel mese di settembre non riuscendo a sconfiggere una banale micosi ingiunale faccio una serie di esami e con l’emocromo mi diagnisticano una neutropenia seria o grave.
    Ricovero in ospedala: mieloaspirato, esami vari etc..
    Sono sposato da 3 anni con un bimbo di 16 mesi e devo confessare di non averla presa bene, anche perchè ho dovuto variare un po i miei ritmi di vita, tra stomatiti che mi hanno portato a diventare praticamente muto ed a mangiare con la cannuccia, tra vaccini vari ed esami quasi giornalieri posso dire di non essere proprio allegro.
    Volevo chedere se qualcuno di voi anche con malatie diverse ha avutoun suppoto psicologico e come si è trovato, perhcè capisco che da solo ho un pò di difficoltà.
    Grazie

  • #6573 Risposta

    sammyf
    Membro

    ciao krag nn e semplice all inizio ma tu credo che hai speranze che possa passare cosi come e venuta quindi partendo da questo presupposto o da qualunque altro,si comincia a ragionare.Io ho 1 bimba di 3 anni che da quando aveva 4 mesi convive con questa cosa e noi tutti di conseguensa all inizio e stata dura e quindi ho avuto bisogno di 1 sostegno ps ma nn tanto x me quanto x nn sbagliare a crescere le mie 2 bimbe xke 1 e nt ma l altra no,devo dire che ho fatto bene xke se nn siamo consapevoli di noi ,delle nostre paure si rischia di fare danni a noi stessi e ad altri.Penso che tu sia gia a 1 buon inizio xke ti sei reso conto e questo e il 1 passo x star meglio.Purtroppo,parlo x me ,in certe situazioni c si sente soli ma tu hai la tua famiglia con te e il vostro cucciolo ke sicuramente avra 1 babbo con qualcosa in + da raccontare, nn il dolore che prova ma la forsa ke ha x affrontarlo.Sai io ora ke ho letto quello ke hai avuto te che 6 adulto e sai spiegare quanto ti fa male mi sono sentita male,xke a mia figlia le vengono spesso stomatiti aftosi ecc poi poi penso anche che comunque le supera e abbastanza benee allora “sorrido”e si va avanti.Comunque se senti il bisogno di 1 sostegno ps nn indietreggiare e vai .Auguri e ricordati che tu sei + importante del tuo dolore ,ma e con il tuo dolore che riesci a tirar fuori quello ke di + bello c e in te.

  • #6574 Risposta

    kragstore
    Membro

    Grazie per il sostegno.
    Da genitore penso che se qualcuno doveva essere colpito meglio io che mio figlio, credo che sia meno difficile accettare il proprio stato che vedere soffrire i propri figli, per questo vi auguro di risolvere il problema. un abbraccio

  • #6575 Risposta

    sammyf
    Membro

    prego se avete bisogno noi c siamo ormai con le altre mamme c sentiamo x tel se volete anche voi potete unirvi anche xke uniti e meglio no?A presto con buone nuove speriamo. 😀

  • #6576 Risposta

    ciao!
    anch’io sono mamma di una bambina neutropenica, diagnosticata a 1 mese, che ora ha 17 mesi e sta bene, è tenuta lontana da luoghi pubblici, ma ultimamente guadagnamo piccoli pezzetti di libertà giorno per giorno.

    sai parlare l’inglese? io frequento un forum inglese che tratta vari problemi di immunodeficit e ci sono anche parecchie persone adulte con neutropenia, chi autoimmune, chi no, chi in cura con neupogen (fattori di crescita) e chi no… io ho trovato molto utile a suo tempo leggere le loro storie per capire che la vita di mia figlia, anche qualora non le passasse, sarebbe stata normale! 🙂

    se vuoi ti passo il link!

    un abbraccio!

  • #6577 Risposta

    scusami, mi sono dimenticata di dirti una cosa…

    io mi sono rivolta ad una psicologa, perchè ho fatto davvero fatica a metabolizzare le paure per la malattia di mia figlia… credo però che la situazione sia un po’ diversa x un figlio. credo comunque che trovando uno psicologo che abbia esperienza di malattie croniche può esserti di aiuto, delle volte serve tanto anche solo sfogarsi, sfogare le proprie angoscie, le proprie perplessità, le proprie paure.

    io di mio soffreo in modo cronico di nevralgie al trigemino, tutt’altra cosa – ma dolori lancinanti, cure con morfina ecc ecc… e la gestione di 2 figlie è stata spesso faticosa, grazie al cielo sono episodi rari (fino a 5 anni fa purtroppo erano molto ricorrenti…) però mi sono abituata a conviverci, entro in una sorta di stand by e appena passa parto in 5!! 😀
    ma io sono sempre stata abbastanza malatiiccia come persona – ahimè – e anche molto energica dall’altro lato.

    senti, ma per la neutropenia, dove 6 in cura? ne hanno già determinato la causa?

    io ti auguro di cuore di stare bene!
    a presto!

Rispondi a: Neutropenia sostegno psicologico?
Le tue informazioni: