fattore aggregante piastrinico

Home Forum Discussioni ed opinioni fattore aggregante piastrinico

Questo argomento contiene 6 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  ads 5 anni, 7 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #2933 Risposta

    ads
    Membro

    salve a tutti.

    a mia madre oggi è stato rimandato un intervento chirurgico a causa di un basso “fattore aggregante” delle piastrine e le è stato detto che, probabilmente, può dipendere da un’incompatibilità con l’anticoagulante della provetta.

    essendo però questi argomenti piuttosto delicati, vorrei sapere se questo basso valore potrebbe essere sintomo di qualcosa di più grave o meno e, se sì, cosa esattamente.

    grazie mille per la disponibilità.

  • #9201 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Se il valore delle piastrine (che non riporti) è dovuto ad un’aggregazione nella provetta per un problema di anticoagulante, come ti hanno detto, allora basta ripetere l’emocromo, usando oltre alla normale provetta con EDTA, un’altra con eparina ed eventualmente una senza anticoagulante che d’accordo con il biologo del laboratorio deve essere letta immediatamente.

  • #9202 Risposta

    ads
    Membro

    grazie mille per la risposta anche se, senza offesa, non è quello che ho chiesto.
    la mia domanda intendeva chiedere esattamente il contrario, quali possono essere le cause nel caso in cui il valore NON sia dovuto alla reazione della provetta…

    grazie ancora.

  • #9203 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Le cause possono essere molteplici e di non facile diagnosi.
    Si và dalla porpora, alla mancanza di fibrinogeno, dalla macroglobulinemia alla malattia di von Willebrand, dalla presenza di autoanticorpi contro le piastrine a quelle contro i fosfolipidi, fino alla cirrosi e all’uremia.
    L’unica certezza è che il sangue tende a non coagulare ed ecco il motivo della sospensione dell’operazione.

  • #9204 Risposta

    ads
    Membro

    caspita, quanti nomi preoccupanti…

    l’unica cosa che mi viene in mente è che non ha mai avuto problemi a rimarginare tagli o altro, quindi, sperando che non si tratti di una patologia che sta nascendo ultimamente, spero sia veramente tutto riconducibile semplicemente alla provetta.

    attendiamo comunque ulteriori analisi…

    grazie davvero mille della disponibilità.

  • #9205 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Ma che tipo di analisi le hanno fatto? Ad esempio le hanno fatto un tromboelastogramma ?

  • #9206 Risposta

    ads
    Membro

    mi dispiace ma non lo so…

    l’intervento riguarda la chirurgia della mano e le analisi immagino siano quelle di routine per questo tipo d interventi…

Rispondi a: fattore aggregante piastrinico
Le tue informazioni: