azione legale avverso madornale errore su hcv

Home Forum Discussioni ed opinioni azione legale avverso madornale errore su hcv

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  drumma 5 anni, 6 mesi fa.

  • Autore
    Articoli
  • #2956 Risposta

    antonio971
    Membro

    Salve, poiché devo gestire la rabbia che ho dentro per la vicenda di cui sono stato vittima, prima di recarmi da un legale mi rivolgo a coloro (almeno mi auguro) che possono ascoltarmi con cognizione di causa (ambito).
    Sinteticamente, dopo un lungo periodo di stop, mi reco presso una delle associazioni donatori sangue della mia città (il cui laboratorio di analisi di riferimento è quello del più importante nosocomio cittadino), dato il lungo tempo trascorso dall’ultima donazione vengo sottoposto alla pre-donazione il cui esito è ok, e a distanza di 3 mesi scarsi da essa effettuo la donazione.
    Qui inizia la vicenda, perché dopo circa 75 gg, mia moglie riceve e apre (!) la busta contenente l’esito degli esami e scopre la mia presunta positività all’hcv.
    Vi lascio immaginare le nostre reazioni ad una tale ipotesi.
    Così come consigliato dalla missiva a corredo degli esami e dopo 24h di full immersion on line, mi sono recato presso la struttura citata per chiarimenti, ma soprattutto per chiedere aiuto (umanità!); mediocri sui primi, assolutamente inconsistenti i secondi (e poi scrivono trattati sull’assistenza psicologica dei pazienti!).
    A loro dire, poiché sul referto vi era l’invito a ripetere l’esame a 3 mesi, non potevano assolutamente prendere iniziative diverse; quindi, su mia ferma insistenza, mi hanno rilasciato (anche per farmi andar via!) una esenzione per effettuare tale esame in una struttura privata (richiedendo (IO) specificatamente di inserire l’esame rna).
    Dopo circa un mese dall’esame effettuato presso una prestigiosa struttura privata la vicenda si risolve con un esito negativo (non reattivo – negativo).
    Un lieto fine ma che però ha lasciato il segno (= rabbia).
    Sono sempre più convinto che, per la vicenda nel suo complesso, un’azione legale sia quello che si meritano.

  • #9266 Risposta

    Luke57
    Partecipante

    Ciao, capita ai laboratori di fare errori in buona fede (su due esiti in disaccordo, per tagliare la testa al toro, personalmente farei un terzo accertamento).Non capisco perchè dovevi aspettare 3 mesi per avere una controprova da parte dello stesso laboratorio. Comunque ti hanno dato l’opportunità gratuita di recarti in altra struttura. Drumma sarà sicuramente in grado di chiarirti le idee al riguardo.

  • #9267 Risposta

    drumma
    Amministratore del forum

    Grazie Luke.
    Dunque la questione è delicata; ed è maggiormente delicata perchè coinvolge una struttura pubblica.
    Tralasciamo,anzi no, il comportamento, del nosocomio: fredda asettica consegna a domicilio di una risposta così importante e così stravolgente per chi la riceve; si sarebbe dovuto convocare l’interessato, fargli alcune domande sulla possibilità di aver contratto il virus implicato , eventualmente ripetere il prelievo per una conferma ecc ecc.
    C’è da dire che il test effettuato è probabilmente un test di primo impatto , misura cioè la presenza di anticorpi anti HCV e ti assicuro che la risposta dipende dal kit usato, ovvero in commercio ci sono kit poco sensibili che possono dare qualche problema; in ogni caso ad una risposta positiva segue un test di conferma (RIBA test) più attendibile.
    Ora non conosciamo bene i fatti, non sappiamo bene i test effettuati dai due laboratori, ( perchè anche la seconda risposta in controtendenza andrebbe discussa (non và bene solo perchè ci fa comodo)
    insomma chiederei ai laboratori spiegazioni sulla sensibilità del test e confermerei i risultati con un terzo centro affidabile anche tra un mese.

Rispondi a: azione legale avverso madornale errore su hcv
Le tue informazioni: