Rispondi a: x Davide

Home Forum Discussioni ed opinioni x Davide Rispondi a: x Davide

#3828 Risposta

Davide
Membro

Citazione:


Originariamente inviato da Fede
intanto inizio a chiederti…e se ti va casomai mi risponderai..
-mielodisplasia:
se alla base c’è displasia del precursore mieloide come mai ad esempio nel caso di tantos risultano deficitari solamente megacariociti quindi piastrine mentre leucociti aspecifici(e eritrociti) risultano normali?!?forse xchè l’eventuale mutazione genetica è localizzata in gene/i esprimibili solamente nella linea di differenziazione megacariocitica(e non leucocitica)?!x quanto ne so nelle mielodisplasie possono essere presenti anche leucopenie e anemie oltre che piastrinopenie!
-ischemia e/o ipossia e attività miocardica elettrica:
oltre al ruolo nutrizionale,distributivo e omeostatico del sangue che quindi princ x scambio transcapillare regola anche le concentrazioni elettrolitiche tessutali Es miocardiche quale correlazione c’è tra l’alterazione della ripolarizzazione e la riduzione del l’apporto ematico?!forse è una mia deformazione “professionale” ma a me viene pensato che un deficit cardiaco elettrico possa dipendere oltre che da uno squlibrio delle concentrazioni elettrolitiche(extracellEs Na+ e Ca2+ e/o intracellEs K+)forse da qualche alterazione a livello dei trasportatori transmembranici e/o nei meccanismi intracellulari di genesi e propagazione dei potenziali d’azione e eventualmente contrattilità!in caso di anomalie elettrofisiologiche non sarebbe opportuno valutare anche gli elettroli ematici Es natriemia,Kalemia,calcemia etc?
-PTH:
un deficit di Ca2+ può indurre la/e paratiroide/i a rilasciare + paratormone x ristabilire la calcemia a livelli fisiologici?
a presto!


Le alterazioni elettriche dell’ECG dipendono da molti fattori.
Le più frequenti sono le alterazioni della ripolarizzazione, date dalla morte ischemica delle cellule del cuore. Esistono altre frequenti alterazioni che sono date da una alterazione della conduzione elettrica nei tessuti specifici. Queste ultime sono, nella maggior parte dei casi, i blocchi di conduzione atrio-ventricolare e quelli intra-ventricolari.
Davide
PS: diventare troppo tecnico nel discorso non è consono ad un forum di non esperti.