Reply To: linfociti

Home Forum Discussioni ed opinioni linfociti Reply To: linfociti

#6847 Risposta

Ernesto N
Membro

Ciao Giorgio,

Attualmente hai un totale di circa 8500 globuli bianchi, circa 3000 neutrofili (37 %) e 4400 linfociti (52 %).
I Monociti sono 580 (6,8%).
Rapporto neutrofili/ linfociti : 0,68

Nelle analisi di 11 anni fa (1997)avevi:
circa 6600 globuli bianchi di cui 2400 neutrofili (35,9 %), 3400 linfociti (51,5 %), i monociti erano 600 (9,1%)
Rapporto neutrofili/linfociti: 0,70

Nelle analisi di 13 anni fa (1995)avevi:
9300 globuli bianchi,3900 erano i neutrofili (42 %) e 4200 i linfociti (45 %). I monociti erano circa 900 (9,4 %)
Rapporto neutrofili/linfociti: 0,92

Da questi pochi dati io potrei concludere le seguenti cose:

Dopo ben 11 anni il rapporto neutrofili/linfociti risulta essere stabilmente invertito (da 0,68 a 0,70).
Ciò sembra indicare che questo rapporto invertito non solo non é un’anomalia recente, ma non é nemmeno un’anomalia che si é evoluta negli ultimi 11 anni.

Questo mi farebbe pensare a una tua peculiarità genetica, per esserne certi occorrerebbe avere altri dati ancora precedenti.

Scusami della mia domanda sulle possibili malattie, ma era ovvia, visto che non ci conosciamo e non so la tua storia.
Un’anomala inversione di questo genere potrebbe im teoria essere anche causata da un problema di malattia cronica, cioè di lungo periodo,ad esempio una forma virale o un’infiammazione latente.

Ora tu hai due strade, dare per scontato che é un tuo fatto personale con base genetica, e se stai in buona salute non c’é proprio motivo di andare ad indagare.

Saperne di più. Fare eventualmente una ricerca tra i vari possibili indicatori di infiammazione-infezione cronica.
Chiedere una tipizzazione linfocitaria: siccome hai un numero un po’ alto di linfociti si va a ricercare se tutte le principali popolazioni linfocitarie sono alte nello stesso modo o vi é un’equilibrio sbilanciato con una o più popolazioni prevalenti.

Che dirti? Quì é veramente una scelta del tutto personale, non c’é poi nessuna ragione pratica di salute che ti spinga ad andare oltre, per fortuna!

Ciao
Ernesto