Reply To: aiuto interpretazione analisi

Home Forum Discussioni ed opinioni aiuto interpretazione analisi Reply To: aiuto interpretazione analisi

#6817 Risposta

Ernesto N
Membro

Ciao,

più che passa da solo, si potrebbe meglio dire sarà il tuo organismo a vincerlo, o a renderlo inoffensivo.
Perché al centro di tutta la questione ci sono le nostre carattersitiche biologiche di base, la malattia interviene in un determinato e specifco contesto biologico.

Da parte mia, io non mi fermerei nelle ricerche. Pensa solo a quello che hai scoperto di recente su te stessa, avere una specifica ed importante popolazione lifocitaria (Cd4+, Helper) verso i limiti inferiori della norma.

Facciamo un’ipotesi teorica, che un qualunque fattore perturbante provochi un decremento acuto dei tuoi linfociti, una linfocitopenia secondaria a traumi, stress, infezioni, medicinali.
In questo caso i tuoi linfociti totali magari potrebbero scendere bruscamente da circa 1800 a 1200, ma ancora sarebbero nella norma, nessuno ci farebbe molto caso é il numero di linfociti totali che ho in questo momento io, che qualcuno ha definito normali .
In realtà se durante questo evento i tuoi Helper scendessero solo di 200 unità (1/3, diminuzione corrispondente a quella dei linfociti totali ), tu ti troveresti con un numero di circa 400 linfociti Cd4+, una soglia che potrebbe esporti più facilemte a infezioni secondarie. Una di queste si potrebbe andare a sommare come fattore aggiuntivo con l’evento primario che aveva portato alla ‘leggera’ linfocitopenia e aggravare la situazione.
Tu credi che in quei momenti se accorgerebbe qualcuno dei tuoi linfociti Cd4+ bassi?

Conclusione del tutto personale: non é tempo o denaro perso quello utilizzato per capire sempre meglio il proprio organismo.
Se vuoi puoi richiedere a qualche dottore disponibile un quadro generale del tuo sistema immunitario, adesso é frammentario, mancano tutti i dati sulla tua componente immunitaria anticorpale, addirittura sulle proteine del sangue. Male che va, conoscerai un po’ meglio te stessa,

Ciao
Ernesto